Fondato nel 2008, OHT [Office for a Human Theatre] è lo studio di ricerca del regista teatrale e curatore Filippo Andreatta, il cui lavoro si occupa di paesaggio e di politica personale sottilmente affrontata nello spazio pubblico e privato.

read-more READ MORE read-more

OHT ha collaborato a livello nazionale e internazionale con, tra gli altri, Fondazione Haydn (IT), NYC Artists' Salon (USA), Romaeuropa festival (IT), Triennale Teatro Milano (IT), the Josef and Anni Albers Foundation (USA), Whitechapel Gallery Londra (UK), Teatro della Tosse Genova (IT), Istituto Italiano di Cultura di Vienna (AT) e MAXXI museo delle arti del XXI secolo Roma (IT). Infine, Centrale Fies è stata spesso partner di vari progetti, sia per produzioni sia per debutti.

OHT è stata premiata per eccellenza artistica, con premi come Nuove Sensibilità per giovani registi teatrali (2008), premio Movin'Up per giovani artisti (2016 e 2017), OPER.A 20.21 Fringe (2017) e una nomina come Miglior Allestimento Scenico ai premi UBU (2018).

Press Quote

Il Teatro e l’emergenza, perché è opportuno andare in tv e sul web - di Franco Cordelli
“Per quanto riguarda il teatro c’è la rivelazione dello scorso anno, Filippo Andreatta, il regista più sperimentale che si sia incontrato da molti anni a questa parte”
Corriere della Sera 23/IV/2020

 
Curon, il paese sommerso ritrova la vita - di Anna Bandettini
“E il tutto ha il profumo di un rituale, che si chiude con il profilo del campanile che emerge dalle acque che poco poco si delinea davanti agli occhi degli spettatori sul palcoscenico. Come un fantasma magnifico e inquietante.”
la Repubblica, 03.II.2020
 
19 luglio 1985. Una tragedia alpina - di Francesca Serrazanetti
"È una scena di estrema grazia quella con cui si apre 19 luglio 1985, nuovo lavoro di OHT"
Stratagemmi prospettive teatrali, 18.XI.2019

19 luglio 1985. Alle ore 12:22, una tragedia alpina - di Alessandro Iachino
“Di straordinaria potenza, in questo senso, è proprio l’istantanea sulla quale si apre, in un silenzio pressoché assoluto, il sipario del Teatro Sociale: un gigantesco abete sospeso nel vuoto di uno spazio di lattiginoso candore, che per lunghi minuti ruota lentamente su sé stesso, mentre le musiche curate da Davide Tomat meticciano progressivamente suoni e rumori naturali – lo scorrere dell’acqua, vaghi canti di uccelli – a tracce sinfoniche artificiali. Fino alla caduta, alla frana, allo schianto.”
Teatro e Critica, 19.XI.2019
 
Suona ancora, campana, ti prego! - di Franco Cordelli
“Non una parola sul palcoscenico, non un attore, soltanto le immagini del campanile di Curon in Val Venosta che annega nel lago artificiale. E la musica di Arvo Pärt. Filippo Andreatta ha realizzato un'opera che vorresti non finisse mai."
la Lettura - Corriere della Sera 23.XI.2018
 
Anteprima - di Redazione
“Il patchwork di episodi urbani che si alternano sul palco punta a stimolare le associazioni libere degli spettatori, per trascinarli nel formidabile caos del ‘manhattanismo’. Appuntamento col delirio.”
Living Corriere - n.09 2017
 
Filippo Andreatta, fra teatro e architettura - di Valentina Lonati
“Ha trasformato il saggio di Rem Koolhaas, Delirious New York, in una piccola rivelazione teatrale che ha fatto il giro di diversi musei e teatri italiani, tra cui il CRT – Teatro dell’Arte della Triennale di Milano, il Castello di Rivoli a Torino, il MAXXI di Roma. […] Proprio dalla volontà di concretizzare l'astratto è nata OHT - Office for a Human Theatre”
Icon Design, 30.IX.2016
 
La città che nasce dalla fantasia - di Sara Chiappori
“Una visione ardita e molto fascinosa che la compagnia OHT, tra le più interessanti della nuova scena indie, travasa in un'azione teatrale multipla che indaga l'anarchia del gesto creativo. Uno spettacolo sofisticato, ambizioso e divertente."
la Repubblica - Milano, 20.IV.2016
 
Il Teatro omaggia Gertrude Stein - di Redazione
“Una talentuosa compagnia italiana di teatro sperimentale porta in scena un progetto ispirato all’opera della leggendaria scrittrice a appassionata d’arte statunitense.”
sky arte, 26.XII.2015
 
Teatro dell’Arte di Milano, la “minuta retrospettiva” dell’Office for a Human Theatre: tutto è perduto fuorché l’assurdo - di Nanni Delbecchi
“Un teatro non della crudeltà ma della tenerezza e della sfiga, realtà solo apparentemente inconciliabili, e invece rese del tutto conseguenti tra calzemaglie da veglione di carnevale, bengala che illuminano inutilmente il buio, biscotti della fortuna della bettola cinese della porta accanto, marciapiedi dove anche le canne si funamo da soli. A ognuno la sua, e a ognuno il suo fallimento. Nel suo minuto orgoglio la Minuta Retrospettiva [di OHT] riporta il teatro alle sue radici più profonde, di luogo deputato della resistenza esistenziale.”
Il Fatto Quotidiano, 17.XI.2015
 
Instabilità delle forme - di Antonia Dalpiaz
“Un’introduzione che apre la mente al profondo significato della democrazia, […]. Un lavoro davvero generoso di intuizioni, il suo [di OHT], aperto a decine di sollecitazioni, per nulla esclusiva di un pubblico "di genere", ma stimolante proposta per allargare la mente e perdersi negli angoli inaspettati della propria, intima creatività."
l'Adige 17.V.2015

awards

2018 - nomina Premio UBU
Curon/Graun nominato come Miglior Allestimento Scenico

2017 - OPERA 20.21 Fringe award
Premio Fondazione Haydn

2017 - GAI Giovani Artisti Italiani
Premio Movin’ Up

2015 - GAI Giovani Artisti Italiani
Premio Movin’ Up

2008 - Nuove Sensibilità
Premio per giovani registi

contact

Filippo Andreatta, founder > filippo@oht.tn.it

Laura Marinelli, producer > laura@oht.tn.it

Laura Artoni, curator & promoter > la@lauraartoni.com

 

Amministrazione trasparente