contenuto

“Contrariamente a quello che l’opinione scientifica corrente possa dire, l’immaginazione è una delle componenti principali della razionalità scientifica” rosi braidotti

Per la prima volta OHT si confronta con un classico della letteratura occidentale; Frankenstein o il moderno Prometeo. Scritto da un’autrice ancora adolescente con l’intento di incutere paura, il capolavoro di Mary Shelley anticipa l’ansia climatica contemporanea dando origine a un nuovo genere letterario; l’horror fantascientifico. Pubblicato subito dopo l’eruzione vulcanica più potente mai registrata dall’uomo, Frankenstein non è solo un’icona letteraria ma, innanzitutto, una reazione all’anomalia climatica provocata dal vulcano Tambora in Indonesia. Secondo i climatologi l’eruzione provocò l’Anno-Senza-Estate; un periodo distopico a causa della nebbia sulfurea che offuscò la stratosfera e cangiò il cielo in giallastro, abbassò le temperature, provocò violenti e continui temporali con notevoli danni all’agricoltura e conseguenti carestie in Europa, Nord America e Asia. Era il 1816 e in quell’atmosfera Mary Shelley scrisse Frankenstein.

read-more READ MORE read-more

Sorprendentemente vicino alle sfumature politiche della ricerca di OHT, Frankenstein è un mito in cui i paesaggi esteriori si confondono con quelli interiori. Gli strapiombi del monte Bianco diventano vertigini intime e personali nell’incontro fra il mostro e il suo creatore; luoghi inaccessibili come le Alpi e l’Antartide si fanno rifugio determinante per una creatura inafferrabile, che in essi impara a conoscersi attraverso i fenomeni naturali che vi si manifestano. Il demone e quei paesaggi diventano un tutt’uno mentre Victor Frankenstein non sembra più in controllo di ciò che lo circonda. La radicalità del lavoro di Shelley si materializza nell’emancipazione della creatura. Inaspettatamente, Frankenstein si rivela come un veemente e contemporaneo romanzo di formazione.

Incastrato dai limiti della tassonomia culturale, l’essere-più-che-umano per eccellenza della letteratura occidentale non ha avuto una lettura distaccata dal contesto in cui veniva interpretato. Un limite che, paradossalmente, ha imprigionato il libro nel suo immaginario, fra i lacci di una interpretazione imbrigliata dalla visione di lettori cosiddetti “normali / naturali”. L’interpretazione di Frankenstein [che è in realtà il creatore e non la creatura come si tende a credere] ha sempre prevalso su quella del mostro anche se il cuore, emotivo-neurologico-e-letterario del libro, sta nell’apprendimento da parte della creatura di se stesso, del linguaggio e del mondo. È da questo scarto, da questa esclusione, che nasce il lavoro di OHT; per la prima volta è il mostro a parlare, e prende la parola non come escluso ma come artefice del nostro immaginario, come un nostro concittadino, come un nostro pari mostruoso. Finalmente, il mostro rinasce rivelandosi come un neonato della letteratura occidentale; un infante a cui appaiono i primi colori, le forme acquisiscono volume, le mani iniziano ad afferrare, la gola e le labbra -fino a quel momento capaci soltanto di grida gutturali- articolano le prime parole. Una rinascita mostruosa che evade i confini letterari creando un nuovo immaginario:

"E ora, ancora una volta, ordino alla mia orribile progenie di andare avanti e prosperare" Mary Shelley

La nuova produzione di OHT si muove dall’esperimento del dottor Frankenstein e, scartando la narrazione, opera affondi parziali e verticali nel testo, senza limiti di forma, linguaggio e durata. L’opera di Shelley diventa materiale da esaminare, sezionare, ricucire, corpo disponibile per esperimenti scenici diversi: uno spettacolo teatrale, una reading session, un’installazione, un radiodramma verranno generati come parti di una stessa sperimentazione che avanza orizzontalmente nel romanzo per indagarne le molteplici ramificazioni.

I frammenti teatrali così prodotti mutuano l’oscenità del demone e diventano un accorpamento deforme di materiale grezzo abbandonato precocemente; esperimenti scenici che, mostrandosi nella loro inadeguatezza, innescano lo stesso corto-circuito all’origine della creatura di Frankenstein invitandoci a fare i conti con quello che siamo soliti omettere alla vista e consideriamo mostruoso.

anno

2023

durata

0:00:00.0

genere

teatro

press

not yet

credits

FRANKENSTEIN
performance di Office for a Human Theatre

> regia e scena Filippo Andreatta
> suono e musica Davide Tomat
> performer Silvia Costa, Stina Fors
> assistente regia Veronica Franchi
> luci Andrea Sanson
> responsabile allestimento Cosimo Ferrigolo
> costumi Lucia Gallone
> sculture di scena e automazioni Plastikart Studio
>
 busto di cera e maschere Nadia Simeonkova
> fondale dipinto Paolino Libralato
> tecnico Orlando Cainelli
> stage tecnico Rebecca Quintavalle

>
amministrazione Lucrezia Stenico
> fotografie Giacomo Bianco

> produzione OHT
> co-produzione TPE Teatro Piemonte Europa, Snaporazverein (CH), Opera Estate festival
> residenza artistica Centrale Fies
> con il contributo di Provincia Autonoma di Trento, Fondazione Caritro di Trento e Rovereto

> OHT è associata al CSC S.Chiara di Trento

storia produzione

17.VI.22 > Centrale Fies, Dro > reading session
26.VIII.22 > Opera Estate, Bassano > reading session
8.II.23
> Teatro Astra, Torino > premiere

9-10-11-12.II.23 > Teatro Astra, Torino > replica
31.III-01.IV.23 > Teatro Sambapolis, Trento > replica

numero repliche

09