contenuto

Una roulotte. Un padiglione piccolo e portatile. Un bar. Un luogo effimero di aggregazione. Un omaggio al Fun Palace; il leggendario progetto dell’architetto Cedric Price e della regista teatrale Joan Littlewood che negli anni sessanta volevano realizzare un’università della strada, un laboratorio del divertimento.

Little Fun Palace è un progetto parassita presentato insieme agli spettacoli di OHT, ma anche svincolato da essi, e al cui interno vengono organizzati incontri, dialoghi, balli e ogni forma di spontaneità possibile. Un progetto che mette a fuoco il momento successivo all’offerta culturale; il momento in cui le idee, le parole e le reazioni delle persone hanno bisogno di spazio per avvenire. Little Fun Palace affronta un vuoto contemporaneo riesumando la raison d'être delle aree pubbliche; quella di forum aperto all’incontro spontaneo fra le persone.

Little Fun Palace mette insieme artisti, filosofi, economisti, scienziati, ingegneri, architetti, sociologi, scrittori, meteorologi, etc. che di volta in volta dialogano su tematiche opportune e urgenti delineate da un advisory-team in collaborazione con l’istituzione ospitante. In modo libero, indipendente e collaborativo, Little Fun Palace esplora ogni sfaccettatura della realtà nei suoi diversi campi di riferimento. Un’indagine seriamente spontanea che affranca l’intelligenza dai cirri dell’intellettualismo.

read-more READ MORE read-more

Fun Palace
Progettato come una struttura flessibile in cui gli spazi programmatici si collegano fra loro. La struttura aveva l’obiettivo di dare la possibilità ai suoi utenti di cambiare gli spazi in base alle loro esigenze. Cedric Price apparteneva a una generazione di architetti britannici che usavano l'architettura sia per affrontare il futuro sia come arte sociale definitiva. La sua visione personale della città fu inventiva, giocosa ed espresse l’obbligo morale dell'architettura nei confronti dei cittadini. Cedric Price entrò nella scena architettonica inglese alla fine degli anni '50, un periodo in cui quartieri residenziali, scuole, parchi industriali e nuove città stavano sorgendo in tutta la Gran Bretagna. C'era una convinzione prevalente di un'architettura socialmente responsabile, un generale sentimento di ottimismo per il futuro e la capacità dell'architettura di migliorare l'ambiente. Diversamente dal movimento moderno, Cedric Price era convinto che la sua architettura non avrebbe imposto vincoli fisici, psicologici o di standard ai suoi occupanti. Attraverso l'abbinamento di umorismo e giocosità, con completa convinzione, i progetti di Price testimoniano la sua convinzione in un'architettura che offre agli abitanti libertà individuali.

Joan Maud Littlewood
Regista teatrale inglese (6.X.1914 – 20.IX.2002). Studiò alla RADA (Royal Academy of Dramatic Arts), e divenne famosa per il suo lavoro all’interno e lo sviluppo del Theatre Workshop. Chiamata la “Mamma del Teatro Moderno”, la sua produzione del 1963 -Oh, What a Lovely War!- fu uno dei suoi spettacoli più influenti. Littlewood e la sua compagnia vissero e dormirono nel Theatre Royal mentre veniva restaurato. Produzioni come The Alchemist e Richard II, quest’ultima con Harry H. Corbett nel ruolo di protagonista, decretarono la reputazione della compagnia. Littlewood ideò e sviluppò l’idea del Fun Palace in collaborazione con l’architetto Cedric Price, un modello sperimentale di ambiente sociale partecipatorio che, sebbene mai realizzato, è diventato una significatva influenza per l’architettura del XX e XXI secolo. La signora Littlewood, un nuovo musical di Sam Kenyon ispirato a Littlewood by, verrà rappresentato dalla Royal Shakespeare Company nel 2018. [Wikipedia entry]

Alcuni partecipanti fra maggio 2018 e luglio 2019: Festival Periferico, Francesco Careri, Short Theatre Festival, BAD PEACE, Riccardo Giacconi, Matteo Nucci, JING, Douglas Gordon e Philippe Parreno, Valentina Valentini, Daria Deflorian, Amedeo Balbi, Gaia Tedone, Al Reinert, Sophia Al-Maria, Donatella Della Ratta, Giulia Crispiani, Terni Festival, Silvia Costa, Associazione Ternana Astrofili, Allora e Calzadilla, museo MAXXI, Anri Sala, Vanessa Roghi, Emilia Giorgi, Gianni Rodari, Populous, Teatro Biblioteca Quarticciolo, Italo Calvino, Annamaria Ajmone, Jacopo Jenna, Paola Stella Minni, Ilenia Caleo, Annalisa Sacchi, Fiamma Mozzetta, Valerio Mattioli, Alfredo Jaar, Sara Leghissa, Lucia Gallone, Roberto Boccaccino, Festival Fabbrica Europa, Muta Imago / Riccardo Fazi, Sotterraneo, Engaged Academics EUI (Caterina F. Guidi, Mario Pagano, Giovanna Gilleri), Lana Live Festival, Frida Carazzato, Anne Palopoli, Jim Jarmusch, ÖGFA_Next Up / Architekturtage, Latitude Contemporaines Festival, Parasite 2.0, Barbara Visser, La Ribot, Osvaldo Festival, sezione didattica museo MART, Centrale Fies art work space, bruno, Riccardo Falcinelli, Emanuele Coccia, dj Ubi Broki, Maria Luisa Frisa

anno

2018

durata

genere

teatro / curatela

credits

di OHT | Office for a Human Theatre

>  idea Filippo Andreatta
collaborazioni artistica Salvatore Peluso
set-design Filippo Andreatta

costruzione Massimiliano Rassu, Franco Righi, Antonello Marzari
>  
producer Laura Marinelli

co-produzione OHT, MAXXI museo nazionale delle arti del XXI secolo, Short Theatre festival, Terni festival
in collaborazione con MutaImago

storia produzione

25-26-27.V.18 > Festival Periferico, Modena > preview
dal 06.IX al 15.IX.18 > Short Theatre festival, Roma > premiere
21-22-23.IX.18 > Terni festival, Terni
dal 06.XII.18 al 28.IV.19 > museo MAXXI, Roma
dal 03.V.19 al 10.V.19 > Fabbrica Europa festival, Firenze
25.V.19 > ÖGFA_Next Up / Architekturtage, Vienna [AT]
dal 31.V al 02.VI.19 > LanaLive festival - Roundabout, Lana
12-15.VI.19 > Latitudes Contemporaines, Lille [FR]
22-23.VI.19 Osvaldo festival, Rovereto
dal 24 al 27.VII.19 > Centrale Fies, Dro
dal 06.IX al 14.IX.19 >Short Theatre festival, Roma
dal 28 al 30.XI.19 > Associazione UBU per FQ, Bologna
dal 03 al 13.IX.20 > Short Theatre festival, Roma
dal 27 al 30.XIII.20 > LFP Nomadic School, Alpi
dal 28.V al 05.VI.21 > OFFTA festival, Montréal [CA]
dal 6 al 9.VI.21 > Carrefour de Théâtre, Québec [CA]
dal 12 al13.VI.21 > Salon 58, Marsoui [CA]
dal 15 al 17.VI.21 > Théâtredu Bic, Bic [CA]
dal 19 al 20.VI.21 > CASJB, Sherbrooke [CA]
dal 22 al 23.VI.21 > Trillium, Ottawa [CA]
dal 24 al 29.XIII.21 > LFP Nomadic School, Alpi
dal 24.XI al 03.VII.22 > LFP Nomadic School, Alpi
dal 02 al 04.IX.22 Campo Base, val d'Ossola

numero repliche

110